Buona la prima. Per un’estetica atmosferica della prima impressione

Se, kantianamente, il mondo è destinato a risolversi in un “oggetto di possibile esperienza”, cessa ipso facto di essere oggetto di un’esperienza propria e diretta, consegnando l’uomo al numerus clausus dell’esperienza intesa come l’empiria artificiale del laboratorio o – ma è l’altra faccia della medesima medaglia “moderna” – alle esperienze già fatte o snaturate dal…

Sensibilità, immaginazione e bellezza. Introduzione alla dimensione estetica nelle tre Critiche di Kant

Con la Critica del Giudizio Kant trova la forma sistematica del suo pensiero nelle due parti della filosofia e nelle tre Critiche delle facoltà superiori di conoscere, ed affronta il territorio d’esperienza più ostile a una riduzione quantitativo-meccanicistica o etico-morale. In che misura soggettività, sentimentalità, bellezza e finalità possono produrre universalità e costituire una vera…

L’estetica francese del ‘900. Analisi delle teorie

Questa ricostruzione teoretica dell’Estetica francese del Novecento si pone come la prima e più completa esposizione ragionata oggi esistente dell’intero corso dell’importantissimo pensiero estetico francese compreso tra la fine dell’Ottocento e oggi. Elio Franzini ci offre i risultati di un lungo e paziente lavoro di verifica e di controllo, svolto non «a orecchio» (come purtroppo…

Commenti a Schopenhauer, 4 – Introduzione alla metafisica del bello

L’espressione di Metafisica del bello, con la quale Schopenhauer intitola le proprie Lezioni berlinesi sul terzo libro del Mondo come volontà e rappresentazione, allude ad una considerazione dell’arte dal punto di vista del sistema metafisico piuttosto che da quello di una estetica. Quest’ultimo termine si andava proprio nel primo ventennio del secolo affermando per indicare…

Il pensiero della bellezza. Due saggi su Kant e la dualità dell’estetica

Sono qui riuniti due testi su Kant concernenti il tema di un pensiero definito a partire dal fenomeno della bellezza. Il titolo, Il pensiero della bellezza, è inteso tanto in senso oggettivo (“pensare la bellezza”) che in senso soggettivo (“la bellezza pensa”, “la bellezza è una forma di pensiero”). Il concetto e l’idea, dice Kant,…

Kant e la musica

Sebbene la teoria musicale della Critica del Giudizio sia stata oggetto di giudizi disparati, vi è consenso generale almeno su di una affermazione: «Kant non capiva assolutamente nulla di musica». Kant avrebbe dunque elaborato una teoria irrilevante per la storia dell’estetica musicale, ed entro il contesto del suo sistema filosofico le affermazioni sulla musica sarebbero completamente prive di interesse.…

Il mito di Leonardo. Sulla fenomenologia della creazione artistica

Leonardo da Vinci incarna il mito della creazione artistica, di una logica costruttiva che trova i suoi mezzi espressivi in geroglifici, gesti e figure nei loro operativi percorsi di attività: il mito di Leonardo mostra la “logica muta” dell’arte, una poiesis che interpreta la natura cercando di esprimerne i molteplici livelli di senso, le trame…