Sensibilità, immaginazione e bellezza. Introduzione alla dimensione estetica nelle tre Critiche di Kant

Con la Critica del Giudizio Kant trova la forma sistematica del suo pensiero nelle due parti della filosofia e nelle tre Critiche delle facoltà superiori di conoscere, ed affronta il territorio d’esperienza più ostile a una riduzione quantitativo-meccanicistica o etico-morale. In che misura soggettività, sentimentalità, bellezza e finalità possono produrre universalità e costituire una vera…

Il rapporto tra costituito e costituente in Husserl e Wittgenstein

Almeno da Kant in poi la questione filosofica del limite (inteso primariamente come limite del conoscibile, e poi del pensabile, del dicibile e così via a seconda dei punti di vista e delle interpretazioni) si è imposta come questione difficile da ignorare. In estrema sintesi: se vi è un limite a ciò che è accessibile…