Johann Heinrich Lambert
30 Apr
2017

Alle soglie del parziale divorzio kantiano tra filosofia e matematica, proprio quando il mondo filosofico si alleava contro il morbus mathematicus che aveva imperversato con la scuola wolfiana, Lambert denuncia lo stato “pre-euclideo” della metafisica del tempo. Sino ad allora ci si era rivolti a un Euclide dimezzato, trascurando i postulati, i compiti, l’anatomia, la costruzione e le figure; non più mera forma espositiva, Euclide diviene qui strumento concettuale. Filosofo, matematico e astronomo, Lambert rivolge il modello geometrico contro il vecchio metodo scolastico, scardinando sistemi quali quello di divisione in generi e specie o modalità quali la generalizzazione per astrazione.

Questo libro analizza, a partire soprattutto dal carteggio e dall’Architectonic di Lambert, i cardini concettuali di un pensiero genetico che si prefigge di ricalcare l’andamento della matematica anche per le qualità. A partire dall’inedito “ordine di legame”, rintracciato già in Euclide e concernente il nesso, l’ingranaggio tra le parti, Lambert potrà giungere alla fine a sostituire i segni alle cose stesse, unendo all’aspetto assiomatico quello caratteristico-combinatorio e rappresentando in modo figurato tutte le proprietà in termini di posizione.

Continua a leggere (pdf)

Paola Basso

paola.basso@unimi.it

Paola Basso (Milano 1970), laureata in filosofia all'Università di Milano, ha frequentato il corso di Perfezionamento della Scuola Normale Superiore di Pisa dove ha conseguito il dottorato di ricerca con la tesi: "La metafisica al cospetto della geometria. La 'Preisfrage' del 1763 dell'Accademia di Berlino sulla certezza geometrica in metafisica, morale e teologia". Ha svolto le sue ricerche a Basilea presso la Handschriftliche Abteilung della Universitätsbibliothek e a Berlino presso l'Archiv della Akademie der Wissenschaften. Attualmente ha un assegno di ricerca in Storia della filosofia all'Università di Milano. Ha pubblicato "Le dimostrazioni per assurdo nell'Etica di Spinoza" ("Giornale critico di filosofia italiana").